Aperto il tesseramento 2018 del centro di cultura e storia di Gragnano e monti Lattari

E’ aperto il tesseramento per il 2018 del Centro di Cultura e Storia di Gragnano e Monti Lattari Alfonso Maria Di Nola. Fondato nel 2004 ha realizzato ogni anno un Calendario Artistico e Storico con ca 1800 immagini di opere d’arte, spesso inedite, personaggi, cronaca culturale: una vera e propria enciclopedia sulla nostra Città. Numerosi i convegni culturali con la partecipazione di studiosi locali e nazionali. 15 i Quaderni Culturali finora realizzati, spesso distribuiti gratuitamente, specie nelle scuole. Partecipazione ad eventi culturali, alcuni dei quali realizzati in partenariato con altre associazioni e istituzioni scolastiche. Stiamo anche realizzando il restauro del Mulino Porta di Castello nella Valle dei Mulini. Diverse anche le brochure stampate e i libri realizzati. C’è quindi spazio di partecipazione e impegno per tutti.

Per contatti: 3498428548 Giuseppe Di Massa

Gragnano: presentazione del numero 7-8 della rivista cultura e società

Lo scorso 16 marzo presso la biblioteca comunale di Gragnano è stato presentato il “numero 7-8” della rivista Cultura & Società, edita dall’associazione “Cultura & Territorio” con la collaborazione del comitato per gli scavi di Stabia.

La presentazione, voluta fortemente da Giuseppe Di Massa presidente del Centro di Storia e Cultura di Gragnano e Monti Lattari “Alfonso Maria Di Nola” e autore di numerosi studi pubblicati nella rivista, è stata soprattutto l’ occasione per ricordare il direttore editoriale e Presidente dell’Associazione “Cultura & Territorio” Prof. Ciro Abagnale e ad un anno dalla scomparsa il Prof. Giuseppe D’Angelo.

presentazione rivista cultura e società 7 e 8

La rivista – che nacque nel 1983 nell’ambito del Distretto scolastico diretta dal prof. Ciro Abagnale – ospita lavori di studiosi che abbiano come oggetto il territorio dell’antico “ager stabianus”. Dall’archeologia alla storia dell’arte, alla storia locale alle recensioni di testi a stampa, la rivista Cultura & Società si propone la più ampia divulgazione culturale sul territorio.

Il numero 7-8 è stato pubblicato con la compartecipazione della Città di Castellammare di Stabia e del Comitato per gli Scavi di Stabia fondato nel 1950.

«Sono stati due i binari che hanno guidato la serata: cultura e ricordo.
Attraverso le parole di Giuseppe Di Massa si è aperta la discussione sulle attività, ormai trentennali, della redazione guidata fino allo scorso novembre da Ciro Abagnale. Dalle parole di Antonio Ferrara, presidente del comitato per gli Scavi di Stabia, che ha cofinanziato la pubblicazione, si è evinta la necessità di pensare in forma allargata ai territori che troppe volte soffrono di un isolamento che solo il fare rete potrebbe risolvere. A seguire sono stati tanti gli Amici che hanno voluto esprimere il loro pensiero sui cari scomparsi Ciro e Giuseppe D’Angelo, cofondatore della rivista e studioso di storia locale» scrive Maria Cristina Napolitano.

Il dibattito culturale è stato reso vivo grazie a Maria Rosaria De Simone che ha esposto il suo studio pubblicato nel numero riguardante la Chiesa di Sant’Eustachio nel terziere di Privati a Castellammare di Stabia, mentre Di Massa ha raccontato della tela della Madonna con Bambino attribuito a Sandro Botticelli è conservato a Santa Maria la Carità

Ringraziamo le famiglie Abagnale e D’Angelo per il supporto costante e il sindaco di Gragnano Paolo Cimmino, che ha concesso lo svolgimento della serata, il sindaco di Santa Maria la Carità Giosuè D’Amora che ha ribadito l’importanza del pungolo della cultura per i nostri territori.

presentazione rivista cultura e società n 7 e 8

“Senza cultura e la relativa libertà che ne deriva, la società, anche se fosse perfetta, sarebbe una giungla. Ecco perché ogni autentica creazione è in realtà un regalo per il futuro.” (A. Camus)

Il Presepe di Gragnano nella Valle dei Mulini

Fin dal 1968 valenti artigiani gragnanesi allestiscono un artistico Presepe nei locali sottostanti il ponte della Conceria, il cuore della Città, dove inizia la Valle dei Mulini. Bellissimi scorci di paesaggio, ponti, cascate, scene agresti sono infatti ispirati proprio alla magica e incontaminata Valle dei Mulini.

Va anche evidenziato il ruolo determinante degli allestitori dell’associazione presepe e dei suoi animatori Pasquale Cesarano e Giuseppe Somma, la loro grande passione per questa attività, il sacrificio enorme di tempo e denaro, la fantasia e la creatività nello studiare ogni anno scenari e situazioni diverse, per far vivere il Presepe nella sua continua trasformazione.

Il successo fu immediato fin dai primi anni, e ancora oggi i tanti visitatori sono affascinati dalle scene di vita quotidiana di grande semplicità e umanità, rappresentati con tanta maestrìa. Riteniamo tuttavia che il segreto del grande successo di questo Presepe sia il coinvolgimento dei visitatori nell’atmosfera magica del Natale e dei luoghi in cui è abbendiato. Il Presepe di Gragnano, infatti, non si guarda, ma vi ci si immerge, attraversandolo e curiosando tra le botteghe in miniatura, i pastori, spesso vere e proprie opere d’arte del Settecento e dell’Ottocento, in un crescendo di scenari fiabeschi proprio per la grande naturalezza.

PRESENTAZIONE MAGAZINE QUADERNO CULTURALE

La nostra associazione con la collaborazione dell’ass. Oreste Lizzadri Onlus e la CGIL di Gragnano, si è fatta locandina (1)promotrice della collocazione della lapide in via Nuova San Leone. Sono intervenuti il sindaco di Gragnano Annarita Patriarca, dirigenti sindacali regionali della CGIL, e numerosissimi cittadini, studenti  e lavoratori provenienti dal corteo per il Primo Maggio, nel centenario della prima manifestazione a Gragnano. Precedentemente era stata collocata una corona di fiori sulla lapide ai caduti sul Lavoro in piazza Matteotti. La vita di Oreste Lizzadri è stata ricordata sul primo numero del magazine della nostra associazione, Quaderno Culturale.

LAPIDE IN RICORDO DI ORESTE LIZZADRI. 1° MAGGIO 2010

La nostra associazione con la collaborazione dell’ass. Oreste Lizzadri Onlus e la CGIL di Gragnano, si è fatta promotrice della collocazione della lapide in via Nuova San Leone. Sono intervenuti il sindaco di Gragnano Annarita Patriarca, il dirigente sindacale regionale della CGIL Libertini, e numeri cittadini, studenti  e lavoratori provenienti dal corteo per il Primo Maggio, nel centenario della prima manifestazione svoltasi a Gragnano. Precedentemente era stata collocata una corona di fiori sulla lapide ai caduti sul Lavoro in piazza Matteotti. La vita di Oreste Lizzadri è stata ricordata sul primo numero del magazine della nostra associazione, Quaderno Culturale.

MANIFESTAZIONE CULTURALE 16 DICEMBRE 2009

MERCOLEDI’ 16 DICEMBRE 2009 ALLE ORE 17 SI E’ SVOLTA PRESSO LA BIBLIOTECA COMUNALE DI GRAGNANO UNA MANIFESTAZIONE CULTURALE COL SEGUENTE PROGRAMMA:

– RICORDO DELLO STORICO GABRIELE DE ROSA da parte del presidente

Giuseppe Di Massa

-CONSEGNA DEI RICONOSCIMENTI CULTURALI 2009;

-PRESENTAZIONE DEL CALENDARIO 2010;

-PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA DELL’ASSOCIAZIONE PER IL 2010.

I RICONOSCIMENTI CULTURALI PER IL 2009 SONO STATI ASSEGNATI:

– Alla memoria di Alfonso Liguori, storico, autore del testo Gragnano-Memorie Archeologiche e Storiche. (La targa ricordo è stata ritirata dal nipote Liborio Liguori).

-Alla memoria di Luigi Malafronte, storico, coautore del testo Gragnano dei Maccaroni (La targa è stata ritirata dal figlio).

– Al prof. Alfonso Di Maio, docente di Storia della Filosofia presso l’Università di Napoli.

– Al prof. Giuseppe Fienga, matematico, pioniere della cibernetica, fondatore della succursale di Gragnano dell’Istituto professionale G.Galilei, pittore.

-Alla prof.ssa Anna Ruggiero, promotrice del restauro di varie opere d’arte di Gragnano, docente di ceramica e pittrice.

-Al prof. Salvatore Ferrara, storico, già docente del Liceo Plinio Seniore di Castellammare, collaboratore tra i più assidui del nostro Centro Culturale.

-Al Dr. Giuseppe Di Martino, presidente del Consorzio Gragnano Città della Pasta, per il suo impegno per la realizzazione del Museo della Pasta di Gragnano.

-Al maestro Pasquale Cesarano, autore da 40 anni dell’Artistico Presepe di Gragnano.